Archive

Posts Tagged ‘Tips’

How to Create URL (Web Parts) for Outlook Web App with Recipient and Subject

Many companies are considering, for economic reasons, the disposal of MS Office, and MS Outlook too, while having Microsoft Exchange as e-mail system. In these scenarios, the use of Outlook Web App replaces the use of MS Outlook as the email client. When you use Outlook Web App instead of MS Outlook, you can come across the problem of the links (URL), sometimes present in web pages, which contain the mailto parameter. The problem that occurs is that you can not open Outlook Web App, clicking on the links with the mailto parameter. If the web page that contains links with the mailto parameter is part of the company’s Intranet, then you can replace the links that contain the parameter mailto, with links that point to Outlook Web App.

Outlook Web App provides a set of parameters to create the URL, to be inserted into web pages, in which you can specify the recipients or the subject of the message:

  • URL with one recipient and the subject of the message

href="https://<FQDN_Exchange_Server>/owa/?ae=Item&a=New&t=IPM.Note&to=alessandro.tani@homeworks.it&subject=Enter the subject of your message"

  • URL with a list of recipients

href="https://<FQDN_Exchange_Server>/owa/?ae=Item&a=New&t=IPM.Note&email=mailto:alessandro.tani%40homeworks.it,
mario.rossi%40homeworks.it,giuseppe.verdi%40homeworks.it,
cristoforo.colombo%40homeworks.it"

Then, within a web page you can enter the following links:

  • Link with one recipient and the subject of the message:

<a href="https://<FQDN_Exchange_Server>/owa/?ae=Item&a=New&t=IPM.Note&to=alessandro.tani@homeworks.it&subject=Enter the subject of your message">alessandro.tani@homeworks.it</a>

  • Link with a list of recipients:

<a href="https://<FQDN_Exchange_Server>/owa/?ae=Item&a=New&t=IPM.Note&email=mailto:alessandro.tani%40homeworks.it,
mario.rossi%40homeworks.it,giuseppe.verdi%40homeworks.it,
cristoforo.colombo%40homeworks.it">alessandro.tani@homeworks.it,
mario.rossi@homeworks.it,giuseppe.verdi@homeworks.it,
cristoforo.colombo@homeworks.it</a>

In this way you can avoid the problem of web page with mailto links, which are not correctly interpreted by Outlook Web App.

OpenOffice, Come Inserire le Righe (Celle) Copiate

In Excel esiste una comodissima funzionalità chiamata Inserisci Celle Copiate. Grazie a questa funzionalità, risulta particolarmente comodo copiare una o più righe di un foglio di calcolo editato con Excel ed incollarle le stesse righe al di sotto di una riga prescelta. Purtroppo, al momento, la versione 3.3.0 di OpenOffice non offre e nemmeno le versioni precedenti di OpenOffice l’offrivano, una funzionalità simile a Inserisci Celle Copiate in Calc, per ottenere lo stesso risultato bisogna operare in maniera leggermente diversa.

Per ottenere lo stesso risultato offerto dalla funzionalità Inserisci Celle Copiate in Calc bisogna procedere come riportato di seguito (nel corso della spiegazione, daremo per scontato che la persona stia già operando su un foglio di calcolo editato con Calc):

  • dal foglio di calcolo editato con Calc su cui si sta operando, selezionare le righe che si desidera copiare. Per selezionare più righe in Calc basta utilizzare o la combinazione Ctrl+Pulsante Sinistro del Mouse oppure la combinazione Shift+Pulsante Sinistro del Mouse. La combinazione Ctrl+Pulsante Sinistro del Mouse consente di selezionare righe non contigue fra loro; mentre la combinazione Shift+Pulsante Sinistro del Mouse consente di selezionare un intervallo di righe contigue, basta infatti selezionare la prima riga facendo uso del Pulsante Sinistro del Mouse sul numero di riga che compare sulla sinistra del foglio di calcolo e successivamente utilizzare la combinazione Shift+Pulsante Sinistro del Mouse per selezionare la riga che delimita l’intervallo di righe che s’intende selezionare, andando a cliccare col Pulsante Sinistro del Mouse, avendo però l’accortezza di tenere premuto il pulsante Shift mentre si clicca sul numero della riga corrispondete alla riga che delimita l’intervallo di righe che si desidera selezionare;
  • una volta selezionate le righe che si desidera copiare, aprire il menù Modifica e selezionare la voce Copia per copiare le righe in questione;
  • premere col Pulsante Sinistro del Mouse sul numero di riga corrisponde alla riga al disotto della quale si desidera inserire il contenuto delle righe copiate in precedenza;
  • aprire il menù Modifica e selezionare la voce Incolla Speciale …
  • all’apertura della finestra dal titolo Incolla Speciale, selezionare le seguenti voci:
    • Incolla Tutto
    • Nessuno
    • Verso il Basso
Calc, Incolla Speciale

Calc, Incolla Speciale

  • premere il pulsante OK per incollare le righe copiate in precedenza;
  • se compare una finestra d’avviso col messaggio: Le celle in cui volete inserire i dati contengono già dei dati. Volete sovrascriverli? Rispondere premendo il pulsante SI. A questo punto il programma Calc provvederà ad incollare il contenuto delle righe copiate in precedenza;
Calc, Conferma Copia

Calc, Conferma Copia

  • assicurarsi che il risultato ottenuto sia quello desiderato.

Il risultato ottenuto, dal punto di vista funzionale, è del tutto analogo a quello che si otterrebbe in Excel utilizzando la funzionalità Inserisci Celle Copiate.

OpenOffice, Come Andare a Capo in una Cella di Calc

A differenza di quanto accede con Excel, per andare a capo all’interno di una cella di un foglio di calcolo editato con Calc, bisogna utilizzare la combinazione di tasti: Ctrl+Invio In questa maniera, pur rimanendo all’interno della stessa cella, il testo prosegue su una riga successiva a quella su cui si stava precedentemente scrivendo.

OpenOffice, Confronto fra due Fogli di Calcolo in Calc

OpenOffice mette a disposizione una comoda funzionalità per confrontare due fogli di calcolo. Può succedere che talvolta una persona abbia la necessità di modificare più volte un medesimo foglio di calcolo, senza dover però alterare la struttura del foglio di calcolo stesso. Semplici esempi di questi fogli di calcolo possono essere la lista dei partecipanti ad un corso, l’elenco dei libri imprestati da un piccola biblioteca … Per comodità, una persona può decidere di creare una nuova versione del foglio di calcolo in questione, ogni qual volta apporta una modifica al foglio di calcolo stesso. In questa maniera, si avrà un elenco di file con questi fogli di calcolo, ciascuno per ogni versione realizzata. Se si avesse la necessità di confrontare questi fogli di calcolo fra loro, per sapere ad esempio che cosa è stato modificato nel passaggio da una versione all’altra del foglio di calcolo, OpenOffice mette all’interno di Calc questa comoda funzionalità: Confronta Documento. Per sfruttare questa funzionalità di Calc basta procedere come segue:

  • aprire il file contenete il foglio di calcolo sul quale svolgere l’operazione di confronto;
  • una volta aperto il foglio di calcolo con Calc aprire il menù Modifica e selezionare la voce Confronta Documento;
  • all’apertura della finestra dal titolo Inserisci, selezionare il file contenente il foglio di calcolo che si desidera confrontare col foglio di calcolo che si è aperto in precedenza. Una volta selezionato il file premere il pulsante Open;
  • a questo punto Calc procederà a fare un confronto fra i due fogli di calcolo selezionati. Dopo qualche istante, si aprirà la finestra Accetta o Annulla Modifiche.
Finestra di Calc dal titolo Accetta o Annulla Modifiche

Calc Accetta o Annulla Modifiche

All’interno della finestra Accetta o Annulla Modifiche viene riportato l’elenco di tutte le modifiche che sono state apportate al foglio di calcolo che è stato aperto all’inizio della nostra procedura.

Il significato delle colonne della finestra Accetta o Annulla Modifiche è il seguente:

  • Operazione: riporta l’operazione di modifica che è stata realizzata;
  • Posizione: indica le celle coinvolte nell’operazione di modifica;
  • Autore: l’autore delle modifiche;
  • Data: il giorno e l’ora in cui è stata effettuata la modifica;
  • Commento: contiene la descrizione dell’operazione che è stata svolta.

La finestra Accetta o Annulla Modifiche consente lo svolgimento delle seguenti operazioni:

  • pulsante Accetta: selezionando una cella nella quale è stata svolta una modifica, premendo il pulsante Accetta si conferma la modifica eseguita;
  • pulsante Rifiuta: selezionando una cella nella quale è stata svolta una modifica, premendo il pulsante Rifiuta si annulla la modifica effettuata;
  • pulsante Accetta Tutto: vengono confermate in massa, tutte le modifiche apportate al foglio di calcolo analizzato;
  • pulsante Rifiuta Tutto: vengono annullate in massa, tutte le modifiche apportate al foglio di calcolo analizzato.

Le celle per le quali è stata svolta una modifica, vengono evidenziate con un bordo rosso e un quadratino rosso in alto a sinistra. Posizionando il cursore del mouse sopra queste celle, compare un messaggio che riporta la modifica apportata alla cella. Agendo sui pulsanti Accetta e Rifiuta, si può confermare o annullare la modifica apportata alla cella selezionata.

Commento sulla Modifica di una Cella

Commento sulla Modifica di una Cella

Se si desidera confermare tutte le modifiche apportate al foglio di calcolo, premere il pulsante Accetta Tutto. Se si desidera invece annullare tutte le modifiche apportate al foglio di calcolo, bisogna premere il pulsante Rifiuta Tutto.

Se si chiude, per scelta o per errore, la finestra Accetta o Annulla Modifiche, per aprirla è sufficiente procedere come indicato:

  • espandere il menù Modifica;
  • selezionare la voce Modifiche e selezionare la voce Accetta o Rifiuta e si aprirà di nuovo la finestra Accetta o Annulla Modifiche.

OpenOffice, Si Possono Visualizzare Due Fogli Elettronici all’Interno della Stessa Finestra di Calc?

La risposta a questa domanda è purtroppo negativa. Non è possibile fare questa operazione in Calc (la stessa operazione, invece, si può fare benissimo in MS Excel). L’impossibilità di visualizzare due fogli elettronici distinti all’interno della stessa finestra di Calc, è dovuta al meccanismo con cui OpenOffice apre i documenti e i fogli di calcolo. OpenOffice infatti utilizza la tecnica chiamata Multiple Document Interface (MDI), la quale prevede di aprire ciascun documento o foglio di calcolo in una istanza separata di OpenOffice, col risultato che ciascun documento e foglio di calcolo opera all’interno di una sua finestra dedicata. Viceversa MS Excel utilizza la tecnica del Single Document Interface (SDI), che prevede che ciascun foglio di calcolo venga aperto all’interno della stessa finestra di Excel, in questo modo, una stessa istanza di Excel è in grado di gestire più fogli di calcolo. Grazie a questo comportamento, MS Excel è in grado di visualizzare contemporaneamente due fogli di calcolo distinti all’interno della stessa finestra.

Finding Inactive or Unused Computers

Not always a computer is removed from Active Directory when it is decommissioned. The result is that after a while of time, the contents of Active Directory is no longer aligned with the state of company. To find inactive computers that are still present in Active Directory, you can use different techniques.

If the Active Directory functional level is set to Windows 2003 or higher, then you can use the command dsquery.exe This command is present on all Domain Controllers, or on all Windows 7 workstations.

The following query will locate all inactive computers in the current forest:

dsquery computer forestroot -inactive <NumWeeks>

Where <NumWeeks> indicates the number of weeks of inactivity (i.e 84 days = 12 weeks, 175 days = 25 weeks).

You can also use domainroot in combination with the -d option to query a specific domain:

dsquery computer domainroot -d <DomainName> -inactive <NumWeeks>

for example:

dsquery computer domainroot -d homeworks.it -inactive 25

You can target your query at a specific container (i.e. ou=MyComputers,dc=homeworks,dc=it):

dsquery computer ou=MyComputers,dc=homeworks,dc=it -inactive <NumWeeks>

All commands dsquery.exe cited, should be executed by Command Prompt of a workstation that is part of Active Directory domain. The user running the command must be part, at least, of the Domain Users group in Active Directory.

If the domain functional level of Active Directory is not set to Windows 2003 or higher, you can use the command OldCmp.exe written by Joeware. By default, the command OldCmp.exe research workstations that are not connected to an Active Directory domain for more than 90 days.

To get the list of workstations that do not connect to the domain for more than 90 days in HTML format, just run the command (the list is sorted by Computer Name):

oldcmp -report -sort cn

To get the same list in CSV format, you should run the command:

oldcmp -report -format csv -sort cn

To get list of workstations that do not connect to a domain for more than 180 days, just run the command:

oldcmp -report -age 180 -sort cn

All commands OldCmp.exe cited, should be executed  by Command Prompt of a station that is part of Active Directory domain. The user running the command must be part, at least, of the Domain Users group in Active Directory.

In Active Directory domains whose functional level is set to Windows 2003 or later, the attribute lastLogonTimestamp of Active Directory, is used to know when was the last process of authenticating of a computer. lastLogonTimestamp attribute is replicated among all Domain Controllers. To see if the attribute lastLogonTimestamp is aligned on all Domain Controllers in the domain, you can run the command:

repadmin /showattr * <Distinguish_Name_of_Active_Directory_Domain>
 /subtree /filter:"((&(lastLogontimeStamp=*)(objectClass=computer)))"
 /attrs:lastLogontimeStamp > lastLogontimeStamp.txt

For example:

repadmin /showattr * dc=homeworks,dc=it /subtree
 /filter:"((&(lastLogontimeStamp=*)(objectClass=computer)))"
 /attrs:lastLogontimeStamp > lastLogontimeStamp.txt

By editing the file LastLogontimeStamp.txt, you can see if the attribute lastLogonTimestamp is aligned on all Domain Controllers. In the file LastLogontimeStamp.txt, are listed the attributes lastLogonTimestamp of each computer that is recorded on each Domain Controller.

For more information, please read the post of NedPyle called “The LastLogonTimeStamp Attribute” – What it was designed for and how it works

To learn how to raise the functional level of an Active Directory domain, you can see the Microsoft Knowledge Base KB322692.

Connecting to SMB share with an alias name (CNAME)

In the Microsoft Knowledge Base article number 281308 of the December 4, 2008 is written:

The registry key that is mentioned in the “Resolution” section is supported in Windows
Server 2008. However, it works only for Server Message Block (SMB) version 1. It does not work for SMB version 2, also known as CIFS (Common Internet File System). By default, CIFS is the file sharing protocol that is used on Windows-based computers. Windows includes an SMB client component (Client for Microsoft Windows) and an SMB server component (File and Printer Sharing for Microsoft Windows). Windows Server 2008 and Windows Vista support the new SMB 2.0.

At first reading it appears that the suggestion proposed in the KB281308 does not apply to Windows 2008/Vista/7 … In the same KB281308, but updated to September 28, 2009, we reads rather:

The registry key that is mentioned in the “Resolution” section is applicable only to SMB 1.0. To communicate over the SMB2.0 protocol, or CIFS (Common Internet File System), you do not have to set the registry key. SMB 2.0 allows for the functionality described in this article to work by default without additional configuration. Computers that run Windows Server 2008, Windows Server 2008 R2, Windows Vista, and Windows 7 support both SMB 1.0 and SMB 2.0. Windows includes an SMB client component (Client for Microsoft Windows) and an SMB server component (File and Printer Sharing for Microsoft Windows). By default, SMB 2.0 is the file sharing protocol that is used when both client and server support it.

All other music … If you have a Windows server 2008 with hostname (NetBIOS Name) Galileo (galileo.homeworks.it as FQDN) and that server have a shared resource called Saturn and instead to use the UNC path \ \Galileo\Saturn you would like to use the UNC path \ \Newton\Saturn, where Newton (newton.homeworks.it) is an alias DNS (CNAME) for Galileo, then you need to follow the following recipe:

  • for clients with Windows 2008/Vista/7: creates the DNS alias (CANME) called Newton (newton.homeworks.it) associated to the server Galielo (galileo.homeworks.it);
  • for clients with Windows 2000/2003/XP:
    • creates the DNS alias (CANME) called Newton (newton.homeworks.it) associated to the server Galielo (galileo.homeworks.it);
    • connected to server Galileo with the credentials of a user with administrative rights on the server;
    • start Registry Editor (Regedt32.exe);
    • locate and click the following key in the registry: HKEY_LOCAL_MACHINE\System
      \CurrentControlSet\Services\LanmanServer\Parameters
    • on the Edit menu, click Add Value, and then add the following registry value:
      Value name: DisableStrictNameChecking
      Data type: REG_DWORD
      Radix: Decimal
      Value: 1
    • quit Registry Editor;
    • restart the server Galileo.

Once you restarted the server Galileo, execute from the Command Prompt of Galileo the following commands: setspn -a host/newton galileo and setspn -a host/newton.homeworks.it galileo Or more generally: setspn -a host/<CNAME_Server> <NetBIOS_Name_Server> and setspn -a host/<CNAME_FQDN_Server> <NetBIOS_Name_Server>

Now to access the shared resource (SMB share) Saturn you can use or the UNC path \ \Galileo\Saturn, or the UNC path \ \Newton\Saturn.

This recipe is good for Windows 2000/2003/2003R2 (Windows 2000 should have installed Service Pack 4) and Windows 2008/2008R2. Note that the command setspn.exe is not pre-installed on Windows 2003R2, but  is part of the Windows 2003 Support Tools.